LA STORIA

Costano ? una frazione del comune di Bastia Umbra (PG) che sorge su di un modesto rialzo, nella verde pianura di Assisi, sulla sponda del fiume Chiascio, che "scende dal colle del beato Ubaldo" (D. Alighieri, Paradiso, canto XI). COSTANUM... oggi COSTANO, etimologicamente significa luogo lungo un declivio o costa, nel nostro caso, la costa del fiume Chiascio, ove sorge appunto il paese.

Le prime testimonianze di un sicuro insediamento, ove oggi ? l'attuale paese, risalgono al I e II secolo a.C. I Reperti rinvenuti in alcune zone del paese chiamate "Lo Sterpaticcio" e "Il Vicinato", testimoniano in maniera inequivocabile la presenza di un nucleo di persone che qui vivevano in maniera stabile.

La vera storia di Costano inizia tuttavia verso la met? del secolo III, quando qui venne martirizzato San Rufino, il primo vescovo di Assisi. Secondo una leggenda, il santo venne annegato nel Chiascio con una grande pietra al collo; il suo corpo, ritrovato in seguito, venne sepolto a Costano che divenne punto di riferimento dei cristiani di tutta la zona, sino a quando il venerato corpo del martire venne traslato nella citt? di Assisi, per una maggiore sicurezza.

Pur privato del suo pi? grande tesoro, il corpo di San Rufino, Costano continua la sua crescita. Il paese, passato sotto dominio di varie potenze e di grandi signori, dopo essere stato sotto il comune di Assisi, nel 1817 pass?, e attualmente resta ancora, sotto il comune di Bastia Umbra.